L’arcobaleno

Arcobaleno

Arcobaleno

Tratto da Cubia n° 74 – Settembre 2007

L’arcobaleno è un fenomeno luminoso prodotto dalla riflessione della luce sulle minuscole goccioline di acqua in sospensione nell’atmosfera., per questo compare spesso subito dopo un temporale o in prossimità di una cascata o di una fontana.
E’ un arco fatto di sette fasce di colori: dall’esterno all’interno troviamo il violetto, l’indaco, l’azzurro, il verde, il giallo, l’arancione e il rosso. I colori che vediamo sono frutto della lunghezza d’onda della luce che viene rifratta mentre attraversa le goccioline di acqua. L’idea, proposta e verificata per la prima volta dal monaco tedesco Teodorico di Freiberg più di sei secoli fa, venne ripresa da Cartesio e perfezionata da Isaac Newton.

L’arcobaleno non occupa uno spazio definito; infatti, se osserviamo il cielo e lo vediamo apparire in un punto preciso del cielo, un secondo osservatore lontano da noi lo vedrà apparire nel cielo in un punto diverso. Questo è dovuto al fatto che è un fenomeno ottico e dipende quindi dalla posizione di chi osserva e dalla collocazione del Sole, che è sempre opposta all’apparizione dell’arcobaleno.

A volte possiamo osservare addirittura due arcobaleni, il primo più grande e scuro, un secondario all’esterno del primo: è dovuto ad una doppia riflessione della luce del Sole dentro le gocce di pioggia e, a causa di questa doppia riflessione, i colori dell’arcobaleno secondario sono invertiti rispetto al principale.

Tanto più grandi sono le gocce di acqua in sospensione, tanto più vivido e colorato sarà l’arcobaleno prodotto.

Durante il giorno è la luce solare che causa questa meraviglia, ma anche la luce della Luna può produrre arcobaleni e di notte possiamo assistere allo stesso fenomeno. Ovviamente, la Luna ha una “potenza” di luce notevolmente minore del Sole (anche perché non è in grado di emettere luce, ma riflette a sua volta quella della nostra stella) ed il relativo arcobaleno risulta scarsamente visibile.

Come spesso accade, l’uomo cerca di interpretare i fenomeni di Madre Natura in modo suggestivo e affascinante: fin dall’antichità l’arcobaleno è sempre stato considerato un fenomeno atmosferico legato alle divinità. Per la filosofia buddista, l’arcobaleno è la scala con la quale Buddha ridiscende dal cielo; nella mitologia greca l’arcobaleno è rappresentato da Iride vestita di iridescenti gocce di rugiada. In Cina l’insieme dei suoi colori rappresenta l’unione dello yin e dello yang, l’armonia dell’universo e della sua fecondità, mentre per i cristiani simboleggia l’alleanza tra Dio e gli uomini dopo il diluvio universale.

Un’antica leggenda irlandese vuole che alla base dell’arcobaleno ci sia il nascondiglio segreto di un folletto Irlandese col suo pentolone pieno d’oro. Sappiamo tutti che, per quanti sforzi facciamo, l’arcobaleno rimane sempre alla medesima distanza da noi e le monete d’oro, irraggiungibili, forse non sono altro che la metafora del tesoro che la Natura ci mette sotto gli occhi tutti i frenetici giorni in cui ci aggiriamo su questa Terra.

di Marina Andruccioli

Annunci

1 Commento

Archiviato in Ambiente

Una risposta a “L’arcobaleno

  1. Pingback: Il ritorno di Babele « Uno sguardo su Cattolica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...