Le serate per Cubia chiudono in bellezza

Raffaele Bersani

Raffaele Bersani

Tratto da Cubia n° 82 – Maggio 2008

Lo scorso venerdì 9 maggio, presso la sala conferenze dell’Hotel Kursaal, si è svolta l’ultima delle “Serate di Cubia”. All’ingresso, gli intervenuti hanno potuto trovare il libretto che Cubia, grazie al prezioso contributo della Banca di Credito Cooperativo di Gradara, ha potuto stampare e che gli abbonati hanno ricevuto con lo scorso numero della rivista.

Quella cara Vecchia Cattolica”, questo il titolo della pubblicazione, è stato dedicato ad Ignazio Rotondi, ad un anno della sua scomparsa, per ringraziarlo di tutto quello che ha dato a Cubia e a Cattolica.

Anche la serata è stata un’importante occasione per ricordare Ignazio, per riaffermare, come avviene su ogni numero del giornale, che se anche la sua mano non può scrivere più, numero dopo numero, articoli su quel che di Cattolica amava, ma anche criticava, il suo ricordo ci accompagna ogni volta che ci troviamo ad affrontare una nuova pubblicazione ed il suo esempio, intimamente, ci fa da monito, che noi, come discoli, a volte ascoltiamo e a volte no.

Ad aprire la serata è stato un caro amico di Cubia, il maestro Raffaele Bersani, che ha voluto donare ai presenti alcuni splendidi momenti di recitazione, proponendo alcuni dei testi che compongono lo spettacolo “Florilegio”, che lo stesso Bersani ha presentato a Roma, il 26 aprile scorso, di fronte all’attenta platea del teatro “Ygramul”, riscuotendo un meritato successo.

Ascoltare le letture recitate di Bersani è stato come viaggiare per l’Italia, perché molti dei testi sono stati declamati in dialetto e si è passati, ad esempio, dalla Sicilia con “La lupa” di Giuseppe Verga per arrivare alle celeberrime poesie di Trilussa, in dialetto romanesco.

L’interpretazione di Bersani è stata toccante e coinvolgente, e tutti i presenti erano attenti ad ogni parola, ogni inflessione.

Protagonista della seconda parte dello spettacolo è stata la Bottega delle Voci, che ha proposto alcuni brani, divenuti nel tempo pietre miliari della musica italiana ed internazionale, reinterpretati attraverso interessanti sperimentazioni vocali. Un’ottima performance di questo gruppo, diretto dal maestro Fabio Mengucci, che ha dimostrato notevole bravura, molto apprezzata dagli spettatori.

In definitiva, uno spettacolo di notevole spessore artistico, che avrebbe meritato un pubblico più numeroso, ma che ha di certo dato torto agli assenti.

Degna conclusione per un ciclo di Serate per Cubia una più bella dell’altra. Per le quali ringraziamo di cuore tutti i bravissimi artisti che si sono esibiti.

di Alessandro Fiocca

Annunci

1 Commento

Archiviato in Cultura

Una risposta a “Le serate per Cubia chiudono in bellezza

  1. Pingback: Intervista al Maestro Raffaele Bersani « Uno sguardo su Cattolica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...