Archivi del giorno: marzo 28, 2009

Shalom!

 

PACE

PACE

 

 

Tratto da Cubia n° 50 Marzo 2005

La parola ebraica shalom, che noi traduciamo “pace”, si riferisce ad un cambiamento prodotto da Dio, che è fonte di felicità, realizzazione dell’esistenza, vita. Questo vale per ogni uomo della Terra, dal cristiano al mussulmano, all’induista, all’animista, all’ateo e…

Per questo cambiamento, Dio vuole il nostro aiuto, Dio ha bisogno di noi. Dice Alex Zanotelli: la pace va di pari passo con la giustizia, non si crea pace se non si opera “per” la giustizia. Come possiamo chiedere e dire: ci vuole la pace, quando noi, e il mondo che abbiamo intorno, spingiamo verso tante piccole e grandi ingiustizie? Riflettiamo su questa piccola frase di un grande uomo, Gandhi: “Tuto ciò che sprechiamo è come se lo avessimo rubato“.

Pensate un po’ che ladri siamo! Pensate un po’ quanti ladri siamo!! Pensate ancora quanti fratelli, sorelle, popoli derubiamo con la nostra opulenza ed il nostro spreco! Senza dimenticare Sorella Natura, anche lei defraudata e privata del suo essenziale: dal mondo ricco, per egoismo; dal mondo povero, per necessità!!!

Dio tuttavia ci dice che noi siamo a sua immagine, siamo suoi figli e, se vogliamo, possiamo fare tanto per realizzare la nostra esistenza, e così vivere veramente liberi dalle superficialità. generosi verso i nostri figli, gioiosi e non assillanti con i nostri figli, sereni nel nostro lavoro (dove lavoro vuol dire realizzazione di sé e non alienazione), giocosi con la natura e gli animali (amici di vita e non sostituti degli affetti che ci mancano).

Per tanti questa è utopia, forse. Credo tuttavia che sia raggiungibile. Non è un sogno, il sogno rimane fine a se stesso. L’utopia invece implica la speranza, e proprio la speranza, anche oggi, nel nostro tempo ricco e sfrontato, ma anche povero e scoraggiato, si ritrova nella Festa della Resurrezione. Gesù vince la Morte, la Fine, e ci propone la Vita: questa vita, donataci per volgerla al servizio degli altri, volta alla condivisione e alla collaborazione, non alla prevaricazione, allo sfondare, a dimostrare quanto si vale.

Andando verso Pasqua cerchiamo di tenere presente, nelle nostre scelte, ciò che Dio ci ha indicato con “shalom”, proprio perché per noi, per le nostre famiglie e per tutte le creature, Pasqua significhi veramente shalom.

di Magda Gaetani

Lascia un commento

Archiviato in Attualità