… Una Poltrona per 7

Francesco Pagnini coordina i 7 candidati sindaci

Francesco Pagnini coordina i 7 candidati sindaci

Eccoli qua i “magnifici sette”. I candidati alla poltrona di sindaco di Cattolica, che si presenteranno ai nastri di partenza il 6 e 7 Giugno, ma che dall’indomani resteranno in due a “cavalcare ancora” in vista del ballottaggio del 21.

Pare, infatti assai difficile – anche a causa proprio di questa “polverizzazione” – che uno di essi riesca a prevalere al primo turno. E, per assurdo, questa volta quello che tra i sette ha maggiori possibilità di arrivarci è il candidato del centro-destra Cono Cimino.

Insomma, se ai tempi di Gianfranco Micucci Cattolica era la piazza strasicura per il centro-sinistra, questa volta Pdl e Lega possono addirittura sperare concretamente (come peraltro già scritto altre volte su queste colonne) di arrivare al secondo turno in testa. Nonostante, un po’ inaspettatamente, sia saltata fuori la candidatura di Massimo Ricci dell’Udc (d’altra parte anche per la Provincia il partito di Casini corre da solo, schierando Maurizio Nanni).

Alle ultime Politiche (2008), a Cattolica il Pdl ha sfiorato il 33 per cento e la Lega ha raggiunto il 5,4 per cento: insieme si sfonderebbe abbondantemente il 38 per cento. Alle ultime Amministrative presero 10 punti in meno. L’Udc cinque anni fa ottenne il 3,25 per cento, l’anno scorso alle Politiche mezzo punto in meno.

Dall’altra parte comunque si sta peggio. Sono ben cinque i candidati che possono far riferimento all’area di centro-sinistra: il candidato ufficiale del Pd Marco Tamanti appoggiato anche da una lista civica; Marco Vagnini per i Comunisti Italiani; Alessandro Bondi per l’Arcobaleno, appoggiato stavolta anche da Rifondazione; Sinistra Critica con Paolo Tonti; e naturalmente il sindaco uscente Pietro Pazzaglini, appoggiato da varie listarelle e dalla Lista Micucci.

I numeri danno per favorito Marco Tamanti: il Pd alle ultime Politiche (2008) a Cattolica ha fatto il 45,34 per cento. Ma come detto, stavolta c’è la “concorrenza interna”, e si sa, le Amministrative sono un’altra cosa. Tamanti ha dalla sua l’entusiasmo di un giovane che ha avuto il coraggio di mettere in discussione molti equilibri incrostati. Fatto quest’ultimo che però nel partito non è piaciuto a tutti, tanto che quello della compattezza alle urne è un problema serio per lui.

Pazzaglini cinque anni fa, al primo turno ottenne il 39,6 per cento, compreso il 6,56 portato “in eredità” dalla Lista Micucci. Il suo risultato questa volta dipenderà dalla “tenuta” dei micucciani, da quanto riusciranno a “sfondare” le liste “tematiche” d’appoggio, dall’appeal comunque esercitato da un primo cittadino uscente.

Tonti, l’altra volta candidato per Rifondazione e giunto al 6,7 per cento, ora lo è per Sinistra Critica, che alle ultime Politiche non ha raggiunto il 2 per cento.

La differenza dovrebbe andare a Bondi, che alla precedente tornata amministrativa aveva raggiunto il 23,6 per cento, che si è fatto una forte credibilità con un impegno indefesso in consiglio per cinque anni. Stavolta “perde” i Comunisti Italiani. Inoltre, nel confronto tra le Amministrative 2004 e le Politiche 2008, a parte l’Italia dei Valori cresce dello 0,8 per cento, gli altri partiti che lo sostenevano risultano in calo: va ricordato che l’intera Sinistra Arcobaleno (con dentro Verdi, Rifondazione e Pdci) alle ultime Politiche ha raggranellato poco più del 3 per cento con un vero e proprio tracollo, verosimilmente a favore del Pd.

Spariscono dalla scena due candidati “civici” di cinque anni fa: Alberto Cenci, che conquistò il 2,72 per cento, è nella lista di Tamanti, mentre i voti che furono di Giorgio Pierani (2,4 per cento) è facile che siano “propri” del centro-destra.

Questi, però, sono i numeri. Poi, all’atto pratico, a fare la differenza possono esserci tanti fattori: la tenuta dei partiti e delle coalizioni, le facce dei candidati, addirittura (incredibile ma vero) la posizione di liste e simboli nella lista elettorale.

Quanto nella pratica queste componenti conteranno, e chi dei “magnifici sette” potrà “cavalcare ancora” lo si saprà l’8 Giugno.

di Francesco Pagnini

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Copertina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...