Intervista a Gabellini: Partito nuovo con gambe nuove

GabelliniAntonio

Tratto da Cubia n° 74 – Settembre 2007

Il Partito Democratico dovrà nascere non come fusione fredda di Ds e Margherita, ma come un soggetto politico che si apre alla società civile. E per questo motivo Antonio Gabellini, da vent’anni membro di spicco dei Ds, nonché ex assessore, dimessosi dalla giunta di Pietro Pazzaglini, sembra chiamarsi fuori dalla corsa alla leadership: ”meglio un giovane, senza un curriculum politico troppo lungo, capace di portare freschezza di idee, coraggio dell’innovazione, nuove sensibilità”.
Cosa porterà il Partito Democratico a Cattolica?

“Metterà alla prova la capacità di rinnovamento e di apertura dei Ds e della Margherita. Due partiti importanti, che hanno fatto la storia dell’Italia e che ora devono lavorare a questo progetto con la consapevolezza che il PD non potrà essere la semplice somma dei due partiti esistenti. Se ci sarà questo coraggio, allora sarà un partito aperto, popolare e di massa, ed avvicinerà alla politica persone che fino ad ora ne erano rimaste fuori”.

Ora invece?

“Oggi il partito a Cattolica (ma nel resto d’Italia non è molto meglio) è chiuso, stanco e anche un po’ grigio. Esprime poca innovazione, ha una cultura politica che assomiglia molto a quella di 20-30 anni fa, con una organizzazione e un modo di funzionare che è quello degli anni ’50. Con la differenza che allora aveva migliaia di iscritti, oggi ne ha poche centinaia. E’ un partito pressoché immobile, che negli ultimi 10 anni ha vissuto di rendita con il consenso che otteneva il sindaco. Infatti, quando il sindaco è cambiato, abbiamo pagato tutta questa debolezza.
A proposito di sindaco: il primo cittadino Pietro Pazzaglini sarà più o meno tranquillo quando, dal 14 ottobre, ci sarà il Pd?

“Tranquillo come ora. Il nuovo partito sosterrà il lavoro di questa giunta, facendo in modo che realizzi il programma di governo di qui al 2009. Dovrà anche mettere in campo, però, una cultura politica nuova, proiettata al futuro. Dovrà fare questo aprendosi alla società, dialogando con la gente”.
Queste sue parole stanno a significare che nel 2009 Pazzaglini non sarà ricandidato?

“Fino al 2009 il sindaco è Pazzaglini. Nel 2009 dovremo avere un partito nuovo e forte, che scelga il candidato sindaco con le primarie”.
Qualcuno dice che per il 2009 sia già stato individuato Pazzaglini per un secondo mandato?

“Non so chi l’abbia deciso, ma sicuramente ha sbagliato metodo. Nel 2009 il candidato a sindaco lo sceglieranno i cattolichini. Con le primarie”.
E, sempre in vista delle elezioni, potranno anche migliorare i rapporti con l’Arcobaleno?

“Il Pd si rivolge anche a loro. L’Arcobaleno è un arcipelago con diverse culture e sensibilità, e spero che una parte di loro partecipi a questo progetto. Così come spero che vi partecipi una parte del mondo cattolico e del mondo laico che nel 2004 non ha votato per noi, pur riconoscendosi nei valori del centro-sinistra. Poi, ovviamente, il PD dovrà costruire alleanze, più larghe rispetto ad oggi”.
Qualcuno, al bar, potrebbe dire che lei e gli altri giovani che sono usciti dalla segreteria dei Ds, lo abbiate fatto solo per poi entrare nel Pd in una posizione di forza?

“Nel nuovo PD nessuno dovrà entrare in una posizione di forza, vantando la propria “anzianità di servizio” in uno dei due partiti, così come nessuno dovrà entrare in una posizione di debolezza, bussando timidamente alla porta perché si sente il nuovo arrivato. Ognuno potrà entrare con le proprie idee, con il proprio bagaglio di valori e di sensibilità, con la propria “biografia”. Una testa un voto, e comincia una nuova storia. Questo sarà il bello del nuovo partito!
Quindi lei si chiama fuori dalla guida del Pd?

Mi piacerebbe che il segretario fosse una figura più giovane, under 40. Proveniente dai DS, o dalla Margherita, o da esperienze esterne ai partiti.Quanto a me non mi pongo proprio il problema. Ho vent’anni di partito alle spalle, chi mi conosce sa che ho sempre appoggiato il rinnovamento (il superamento del PCI, poi l’Ulivo). Ma penso che un processo nuovo debba camminare con gambe nuove, giovani, che lo sappiano interpretare al meglio, che lo sappiano esprimere, che lo sappiano comunicare, con convinzione ed entusiasmo.Il compito mio, e di altri come me, è di mettere le nostre idee e la nostra esperienza al servizio di questo rinnovamento.
E cos’è successo qui, a Cattolica?

Sono successe cose diverse. Io me ne sono andato dalla Giunta perché non sentivo più il necessario sostegno alla mia azione.Altri si sono dimessi dalla segreteria dei DS perché non condividevano la linea politica di un gruppo dirigente che qui sembra guardare al passato più che al futuro.E’ nata un’associazione per il partito democratico con lo scopo di avvicinare persone con valori di sinistra che in questi anni sono stati alla finestra.E’ una esperienza che va sostenuta e incoraggiata, e non vissuta come una lesa maestà.Questo è ciò che è successo. L’importante è che adesso si lavori tutti, in maniera corale, ad un partito che sia veramente qualcosa di nuovo e di importante.
Nel giorno del v-day di Beppe Grillo, voi avete raccolto le firme per lui. Ma Grillo predica la fine dei partiti, mentre voi ne volete fare uno nuovo…

La raccolta di firme è stata organizzata dall’Associazione, e io l’ho condivisa. Noi crediamo nei partiti e nella politica, ma in una politica diversa. Per questo il partito democratico è una grande opportunità e le denunce di Grillo possono aiutarci a costruire una politica migliore rispetto a quella che c’è oggi.

di Francesco Pagnini

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Interviste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...