Paura della diversità

Etty_Hillesum

In questi giorni in molte città sono scoppiati segni diversi di intolleranza e di esasperazione veramente gravi che, se pur sintomatici di tanti malesseri, hanno offuscato e trasceso il buoncuore ed il buonsenso delle persone. Inquietante è anche l’afonia e il nonvoleresserepresenti di troppi uomini e istituzioni su questi fatti. Alcuni si rifugiano nei richiami ai grandi principi, senza attraversare la vita dei bambini, delle donne, dei giovani, degli UOMINI. Ma che valore e senso hanno in tanti casi i valori ed i principi se non li si abbina ai veri e vari volti che ogni giorno ci si presentano? Proprio questo penso sia il punto che ci crea, a livello sociale e personale, confusione: ognuno porta avanti principi e valori (spesso anche validi e giustificati), ma non sa guardare i volti dei fratelli e delle sorelle.

Un testo del Cardinal Martini propone:
“La sfida più urgente della nostra civiltà! Non metterei il tema della vita, che pure è molto importante, neanche lo stesso tema dell’evangelizzazione che in certi luoghi è tabù e non si può pronunciare; metterei molto semplicemente l’imparare a convivere come diversi pur condividendo lo stesso territorio geografico e sociale, e imparare a convivere senza distruggerci (pulizia etnica e tutte le forme affini), senza ghettizzarci, senza disprezzarci o guardarci in cagnesco e neanche senza solo tollerarci. Dobbiamo fare di più: vivificarci e fermentarci a vicenda, anche senza parlare di evangelizzazione o conversione, così che ognuno sia aiutato a rispondere di fronte a Dio della propria chiamata, sia esso musulmano, hindù, cattolico, protestante, ortodosso… Rispondere di fronte a Dio, alla propria chiamata questo, è molto difficile … forse è il problema principale della società di oggi e di domani”.

Questa è la proposta del cardinal Martini, ma ascoltare, quando si è allarmati, è difficilissimo, e così ghettizziamo il prossimo in tanti modi e in tante forme, perché non ci fidiamo, abbiamo PAURA: paura dello straniero, paura di chi vive con canoni diversi dai nostri, paura dei nostri figli che possono ribellarsi o non adeguarsi alla realtà, paura di un presente oscuro e spesso di un passato vergognoso, paura soprattutto di un futuro incerto. Paura e paure che si accumulano e scatenano fondamentalismi e panico, così che il Suo Messaggio, la Buona Novella, resta (purtroppo anche nella Chiesa) assopito e lontano dalla realtà. Oggi si torna al Dio solo del miracolo, ad un Dio stanco, al Dio mio e non nostro, al Dio lassù nel cielo e non al Cristo incarnato e inculturato negli uomini di tutti i tempi e di tutti i luoghi.

“Non si tratta infatti di conservare questa vita a ogni costo, ma di come la si conserva. A volte penso che ogni situazione, buona o cattiva, possa arricchire l’uomo di nuove prospettive. E se noi abbandoniamo al loro destino i duri fatti che dobbiamo irrevocabilmente affrontare- se non li ospitiamo nelle nostre teste e nei nostri cuori, per farli decantare e divenire fattori di crescita e di comprensione – allora non siamo una generazione vitale” (da Etty Hillesum 1943).

Vorrei confermare le parole di Etty Hillesum “Non basterà salvare solo noi stessi e i nostri corpi… se non sapremo dare un nuovo senso delle cose e degli avvenimenti”. Siamo responsabili, per Lui e con Lui, del nostro cammino e del nostro tempo.

di Magda Gaetani

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Pensieri e Parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...