Assegnati i premi del Mystfest 2009

Mystfest_2009

Tratto da Cubia n° 94 – Agosto/Settembre 2009

Una serata in Giallo

Sabato 11 Luglio 2009 è andata in scena, in una Piazza Mercato gremita di pubblico, il XXXVI Gran Giallo Città di Cattolica. La manifestazione letteraria, nata nel 1973 da un idea del giornalista Enzo Tortora, era cresciuta negli anni, arrivando nel 1981 ad essere identificata come “Mystfest, Festival Internazionale del Giallo e del Mistero”.
A Cattolica venivano presentati film in anteprima o film di culto, provenienti da tutto il mondo. Registi ed attori contribuivano a rendere la Regina dell’Adriatico l’attrazione dell’estate, non vi era la crisi economica e finanziamenti e sponsorizzazioni piovevano a grappolo. I tempi sono cambiati, ma l’amministrazione comunale ha pensato bene di ripartire dagli albori, con un occhio alle tecnologie moderne.Non più festival del cinema con lustrini e paiette , quindi, ma una manifestazione dai costi contenuti, con 3 concorsi intessuti di GIALLO :

Gran Giallo Città di Cattolica

In questa sezione letteraria, la Giuria composta da Mario Guaraldi, Luciana Leoni, Igor Longo, Carlo Lucarelli, Valerio Massimo Manfredi, Marinella Manicardi, Andrea G. Pinketts, Simonetta Salvetti, ha valutato i seguenti racconti:
TRE di Enrico Gavarini; LA MORTE SCIVOLA SOTTO LA PELLE di Gaia Conventi; DISAMISTADE di Riccardo Gazzaniga; GOODBYE, SPIDERMANN di Alberto Odone; LA PALLOTTOLA BENEDETTA di Cristian Fabbi.
All’unanimità il premio per il miglior racconto giallo di ambientazione italiana è stato assegnato a:
La morte scivola sotto la pelle con la seguente motivazione:
Per la capacità di raccontare un’ossessione generata dalla gelosia nel suo parossistico progredire, mantenendo una straordinaria tensione narrativa. Un linguaggio efficace ed intenso a misura di un racconto di orrore quotidiano.

Corto Giallo

Questa sezione dedicata ai cortometraggi, è stata divisa in due sezioni:

  1. Sezione Web, in cui la durata dei filmati non doveva eccedere i 5 minuti, potendo essere realizzati anche con cellulare e fotocamere non professionali.
  2. Sezione Live, in cui la durata massima dei filmati era di 15 minuti, dovendo essere realizzati solo con telecamere professionali.

Nella Sezione Web è stato premiato il lavoro di Daniele Malavolta “Agent Omissis mission F78130” in 5 minuti l’autore è riuscito a creare un atmosfera di mistero e coinvolgimento emotivo, al pari dei migliori maestri del Hard Boiled. La Giuria popolare ha altresì premiato “Janis dorme ancora” di Stefano Criminale. Nella Sezione Live il riconoscimento della giuria ha premiato “Gas Station – ‘El Coyote’” di Edo Tagliavini.

Obiettivo Giallo

In questa sezione ci si è posto l’obiettivo di mettere il punto di osservazione dell’occhio, come fulcro dell’informazione fornita dalla fotografia. Il dettaglio, il particolare, l’indizio, sono fonti d’informazione, significative, irrilevanti o fuorvianti!
Tre i riconoscimenti assegnati in questa sezione: Miglior Fotografia a Pianti di Carlo Conforti; Miglior Fotografia Giuria Popolare a Motel 1 di Michele Brancati; Menzione Speciale a Nell’oscurità e nel silenzio, un movimento sfuggente inganna l’occhio non attento di Emanuele Netta.

di Massimiliano Ferri

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...