Gli approcci amorosi del tempo che fu

Tratto da Cubia n° 97 – Dicembre 2009

Rievocazione in dialetto di Lidia Giunta Signorini (Lidia dal Mor)

La ma ad Giulio un dè l’ha ia det:
La mamma di Giulio un giorno gli ha detto:

“Dì caren, l’è ora che t’toga moi perch’ nun as sin stof ad lavurè”
“Ascolta, è ora che tu prenda moglie perché noi siamo stanchi di lavorare”.

“Ades, la prima ragaza ch’aveg cl’am pies…”.
“Allora la prima ragazza che incontro e che mi piace…”.

Un dè u m’ ha vest a spass e da di drè,
Un giorno mi ha visto passeggiare, era dietro di me,

l’ha vest li mi gambie
ed ha notato le mie gambe

“Oh, che belie gambie…”.
“Oh, che belle gambe…”.

Quand u m’ha vest daventi, me a purteva i cavel a la fratena
Quando poi mi ha visto di fronte con i capelli neri e

sa la frangetta ad cavel nir, fiola, ai so pisù sopte.
la frangetta, gli sono piaciuta subito.

Lo l’ha dmand da chi pudeva avè infurmazion
Ha chiesto da chi poteva avere informazioni

e u li ha dmand ma la Servilia ad Baldo
e le ha richieste alla Servilia Franchini.

“Oh, mo ai cnos; l’è una fameia ad lavuradur
“oh, ma li conosco; è una famiglia di lavoratori,

i n’ha gnint mo iè serie”.
non posseggono niente ma sono persone serie”.

La mi ma l’andeva sempre ma la stazion sa l’orc a to l’aqua
Mia mamma andava sempre alla stazione a prendere l’acqua con l’orcio,

e un dè la incontra la Servilia chl’ai dis:
un giorno incontra la Servilia che le dice:

“Guerina, la tu fiola l’ha ricevù una letra?”.
“Guerrina, la tua figlia ha ricevuto una lettera?”.

“Se, mo la nal sa chi è…Signorini Giulio…”.
“Sì, ma non sa chi è…Signorini Giulio…”.

“Se, mo tal sé chi è?…l’è al fiol dal Mor”.
“Si, ma lo sai chi è?…è il figlio del Moro”.

“Al fiol dal Mor????”.
“Il figlio del Moro????”.

Quand al ven a chesa al mi fradel Libero ch’al lavureva da Cerri.
Al ritorno a casa di mio fratello Libero, che lavorava da Cerri,

ai deg: “Guerda che um ha scret quest i chè, cus cha iò da dì?”.
gli dico: “Guarda che mi ha scritto questo qui, cosa gli devo dire?”.

“T’al vò incuntrè?”.
“Lo vuoi incontrare?”.

“T’capirè… l’è al fiol dal Mor…”.
“Tu capisci…è il figlio del Moro”.

“Alora ti dis che dmenga dop mizdè, vers al quatre,
“Allora gli dici che domenica pomeriggio, verso le quattro,

mned vers chesa, tl’incontre davanti al Cumun”.
venendo verso casa, lo incontri davanti al Comune”.

A la dmenga a scap sal Main dla c’Cona e ai deg:
Alla domenica mi vedo con la Maria Antonioli e le dico:

“Maria, og an pos stè una masa sa tè”.
“Maria, oggi non posso stare molto con te”.

“Oh, tmet a fè l’amor?”
“Oh, ti fidanzi?”

“Mo va là… anche te… ad sigur um vrà di vargogna
“Ma cosa dici… di sicuro mi dovrà rimproverare

per quand a ridimie quand al steva drè ma la (…)”.
per quando ridevamo quando corteggiava la (…)”.

Difatti andand a spass, quand a sin poc da long dal Nettuno
Passeggiando, all’altezza del Nettuno

ecch ch’al veg.
ecco lo vedo.

L’era sa Aldo ad Minelek.
Era con Aldo Tonti.

L’aveva piuvù e l’era sa l’impermeabile e un capel
Aveva piovuto ed indossava un impermeabile ed il cappello,

ch’al pareva Chamberlain.
assomigliava a Chamberlain (primo ministro del Regno Unito)

Me andeva d’in sò e lo l’andeva d’in giò.
Io ero diretta verso il Comune e lui veniva dalla parte opposta.

Ai pasen ad fiench e me an saveva cum a fè, um trimeva li gamb,
Gli passiamo a fianco e non sapevo cosa fare, mi tremavano le gambe.

Al Main l’am lasa e me a vag d’in sò.
La Maria mi lascia e io vado su per la salita.

Ecc ha sent che lo um ven drè.
Ecco sento che mi segue.

Me a vag piò svelt e lo li stess.
Ecco sento che mi segue.

A sin riv daventi al Cumun ch’a femie la Maratona.
Siamo arrivati al Comune che sembravamo due maratoneti.

Un bel mument ho det, “um tucarà firmem”.
Poi ho pensato, “dovrò fermarmi”.

Am ferme e lo um dà la mena e us presenta.
Mi fermo mi dà la mano, si presenta.

Po um ha acumpagnè fina ma chesa.
E mi accompagna fino a casa.

Daventi chesa um dis:
Davanti casa mi dice:

“Ci vediamo domani sera”.
“Ci vediamo domani sera”.

Per tre serie a sin andè aventi e indrè daventi
Per tre sere siamo andati avanti e indietro

ma Giafon
davanti a Giafon (Rossini, fabbro di via Dottor Ferri),

perché me a steva mai palazun in via Nazario Sauro,
perché io abitavo nelle case antisismiche di Via Nazario Sauro.

La terza sera u s’avsena e um dà un bes.
La terza sera si avvicina e mi dà un bacio (con il dito indica la guancia)

Un sgnor ch’al paseva sla bicicleta, per
Un signore stava passando in bicicletta, incuriosito

vultes imdrè a guardè l’endè a sbat contra una pienta.
si è girato per guardarci ed è andato ad urtare contro un albero.

“Ut stà ben, i sé t’imper a vultet indrè”.
“Ti sta bene, così impari a voltarti indietro”.

Me d’andè aventi e indrè am s’era stofa e
io mi stavo stancando di fare avanti ed indietro e

ai ho dèt:
gli ho detto:

“”Sal ven ad chesa cal ragaz, dai una
“Dì, se hai voglia vieni in casa”.

“A veng stetr’an, dato che l’è Nadel,
“Vengo il prossimo anno, visto che è quasi Natale,

a veng al prim dè dl’an.
vengo a Capodanno.

Se tvò, aveng a chesa anche sopte”.
Se vuoi vengo in casa anche subito”.

Mal mi ba ai aveva dèt:
A mio babbo avevo detto:

“Sal ven ad chesa cal ragaz, dai una varniseda ma la cusena”.
“Se viene in casa quel ragazzo, dà una verniciata ai mobili di cucina”.

Oh Madona!” Ui aveva dè un turchison…
Madonna! Li aveva riverniciati di un blu elettrico…

Cla sera ch’al ven ad chesa, la mi mà,
Quella sera è venuto a casa, mia madre

tent per met li robie in cer, l’ai dis:
ha cercato subito di fare chiarezza:

“Me a nal so chi ha pià giudizie ad vuielt dò,
“Io non so chi ha più giudizio tra voi due;

la mi fiola l’ha poc giudizie”.
mia figlia ne ha poco”.

“A so mnù per dmandè al permes ad
“Sono venuto a chiedere il permesso di

frequentè sta chesa e purtè fora la vosta fiola.
frequentare questa casa e di uscire con vostra figlia.

Stasera an mi pos farmè ‘na masa ca ho una cena.
Questa sera non mi posso fermare molto perché ho una cena.

“Ades a vag”.
“Adesso vado via”.

Al fa per alzes, mo al fa un muviment e u s’armet da seda.
Stava alzandosi dalla sedia, si muove e si risiede.

E i sé per do tre volt.
Così per due o tre volte.

Ad un cert punt, al fa un muviment piò fort:
Ad un certo punto dà uno strattone più forte:

“Ades a vag”. U s’alza.
“Adesso vado!”. E si alza.

Madona, un gni si sarà tachè i calzun ma la vernisa fresca?
Non gli si saranno attaccati i pantaloni alla vernice fresca della sedia?

Det e fat.
Infatti.

L’aveva tot li righie turchsie mal caval di calzun.
Aveva tutte righe blu sul dietro dei pantaloni.

Una vargogna!!!!!!!
Che vergogna!!!!!!!

Un dè da la parucchiera una burdela la dis ma la su mà:
Un giorno ero dalla parrucchiera e sento una bambina dire a sua mamma:

“E’ quella che il suo fidanzato si è attaccato alla sedia”.
“E’ quella che il suo fidanzato si è attaccato alla sedia”.

Po a so andè ma chesa sua acumagneda dal mi fradel.
Poi sono andata io a casa sua, accompagnata da mio fratello.

Ma me um bativa al cor.
Mi batteva il cuore.

Al mi fradel u m’ha presantè
Mio fratello ha fatto le presentazioni

e la mi cugneda, la Seconda, l’ha m’ha fat curag…
e la mia futura cognata, Seconda, mi ha messo a mio agio…

Dop ho cmenc andè sempre più spess.
Ho iniziato a frequentare la casa sempre più spesso.

Un dè la su ma’ lam dis:
Un giorno mia suocera mi dice:

“Se t’è voia, ui saria i calzun dla dmenga da stirè…”.
“Se hai voglia, ci sarebbero i pantaloni della domenica da stirare…”.

In conclusion, al lundè matena dop
In conclusione, il lunedì mattina dopo

a so andè a imparè al mistcier.
ho iniziato ad apprendere il mestiere.

di Giuseppe Tirincanti

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Ricordi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...