Carlo Angelini “L’Americano”

Corvette 1957 simbolo del mito americano

 

Tratto da Cubia n° 98 – Gennaio 2010

Leggendo il sottotitolo, molti si chiederanno: è nà miseria quant- mi-s-cer c’al feva l’Americhen? (ma quanti mestieri faceva l’americano?). Le attività principali di questo simpatico personaggio, conosciuto da tanti cattolichini, erano elettricista ed operatore cinematografico, ma quella che lo ha reso “personaggio” è stata certamente la musica. Come ci dice lui stesso in una breve chiacchierata nella quale denota un gran desiderio di raccontarsi, anche se ogni tanto con qualche… inceppamento della memoria.

Appassionato da sempre di musica, aveva coltivato sin da giovane, oltre ad una spiccata musicalità, un istinto particolare per la ritmica: la sua passione era la musica americana (da cui il soprannome), com’era di voga a quei tempi. Una sera, eravamo nei primi anni ’50, si presenta all’Americano l’occasione di esibirsi in pubblico. Era una serata “moscia”, per cui si sentiva il bisogno di ravvivare l’ambiente e l’americano era la persona giusta… il successo fu tale che da quel momento finì sulla bocca di tutti, ricercato sempre dai musicisti locali per rallegrare le serate.

Pur non conoscendo una parola di inglese, Carlo Angelini riusciva, col suo spiccato talento, ad esprimersi nella lingua “non sens” (senza senso), ritmando le parole a tampo di swing: oggi si potrebbe dire quasi un genere “scatt”.

A metà degli anni 50 riesce a dare vita al suo primo locale, con idee veramente innovative per quegli anni. Prende in gestione, nella zona di Gabicce Tavollo, un locale già in parte avviato, dal nome “Pasqualen”, che si trovava affianco ad un’altra sala gestita da “Fnilen”: sicuramente questi nomi non sono sconosciuti ai giovani d’allora, erano due locali di successo, di tipo famigliare, in quanto le ragazze avevano al loro seguito le proprie madri, visto che uscire da sole era per loro veramente difficile. E i “cavalieri”, per poter invitare le “dame” a ballare, dovevano prima chiedere il permesso alle mamme… se queste acconsentivano, bene, altrimenti… niente ballo. Altri tempi! Allietava i pomeriggi e le serate l’orchestra dei fratelli Mario e Guerrino Aratari.

Carlo inizia a ristrutturare il locale di Pasqualen, cambiando gli arredi per dargli un aspetto moderno, addirittura costruisce con le sue mani le prime illuminazioni psichedeliche, con al centro della sala una palla specchiata girevole, effetti collaterali, lo strobo ecc., insomma un lavoro veramente d’artista. La nuova veste del locale, unita ai favolosi musicisti che si esibivano: Rolando Caforio alla batteria, Fabbri di Riccione al piano, PieroTresi alla tromba, Luciano Scadassa al sassofono, fa sì che arrivi subito il successo. Fu la nascita della prima discoteca in embrione: il Ball Room.

Visto il successo del Ball Room, Carlo l’Americano, affiancato dal suo fedele socio Lorenzo Zavallone (Renzo), fratello di Paolo, entrambi giovani motivati e con la voglia di affermarsi, decide di compiere il grande passo. Gli si presenta, infatti, l’occasione per acquistare un appezzamento di terreno in via Risorgimento a Gabicce: è un vero affare!! e Carlo non se lo lascia sfuggire. Cominciano subito i lavori per costruire una struttura adatta ad una discoteca. Seguendo i consigli degli addetti ai lavori, costruisce il locale in seminterrato, lasciando lo spazio a cielo aperto per poter nell’eventualità ricavarne degli appartamenti. Ma così facendo, il preventivo di spesa iniziale si gonfia di molto… la cifra occorrente diventa enorme… ma ormai è tardi per tornare indietro… e allora… Vaiii!… tutto a suon di cambiali (ma all’epoca le cambiali sono state la salvezza di tanti imprenditori), finché nel mese di Giugno del 1962 viene inaugurato il “Club La Teggia”.

Un locale nuovo nel suo genere, aperto tutto l’anno: oltre al dancing, c’era anche il ristorante con ottima cucina, il che consentiva di sopperire alla carenza dei clienti nel periodo estivo, considerato che il locale era situato nei pressi di via Romagna (strada Statale), dunque abbastanza lontano dal centro turistico. Il “Club La Teggia” si affidò a orchestre e artisti di grido. La grande orchestra di Paolo Zavallone, una delle migliori a livello internazionale, era di casa al Club, si esibiva nel periodo estivo e costruiva un forte richiamo per attirare più clienti. Era composta da musicisti di grande valore: Paolo Zavallone, una delle migliori a livello internazionale, era di casa al Club, si esibiva nel periodo estivo e costituiva un forte richiamo per attirare più clienti. Era composta da musicisti di grande valore: Paolo Zavallone organo Hammond, Cazzola batteria, Pasquale Tesoro chitarra, Baiocco sassofono, Al Corvin tromba, Fariselli trombone e contrabbasso, Maurizio Graf cantante. Molti artisti sono saliti sul palco del “Club la Teggia”, da quelli nazionali come Gianni Morandi, Iva Zanicchi, Johnny Dorelli, in seguito come presentatore Mike Bongiorno, per diverse serate Gino Paoli col suo gruppo, a quelli locali: l’orchestra di Rocca, I Mimo’s, gli Aratari Mario e Gerry, Robert Mondo e Les Gillon Group, i 4 Angeli ecc.

I clienti del locale erano soprattutto imprenditori, mobilieri pesaresi, industriali, ricchi artigiani provenienti un po’ da ogni parte: clienti molto esigenti che cercavano sempre il meglio. Carlo ricorda con grande soddisfazione le notti di San Silvestro strapiene di clienti, col tutto esaurito già da molti giorni prima, grandi serate difficili da dimenticare. L’Americano si ferma qui nel suo racconto nostalgico.

Nel 1968 il “Club la Teggia” fu ceduto, il locale subì molte trasformazioni e travagli che ne segnarono piano piano la fine.

di Roberto Bozza

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Ricordi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...