Archivi tag: mission

Se non c’è… non frigge

Tratto da Cubia n° 100 – Marzo 2010

Pensavo che sulla scuola ormai avessimo scritto tutto quello che poteva servire perché i lettori di Cubia avessero un’idea chiara di come stanno le cose. La polemica, pretestuosa e banale, del maestro Olivieri sull’ultimo numero mi costringe, però, ad una breve replica. Breve, perché le considerazioni svolte sono talmente prive di contenuto che si commentano da sole.

Soltanto tre osservazioni.

Prima. Ore di presenza in classe. Non mi interessa, e credo non interessi a nessuno, sapere dettagliatamente come funziona il sistema scolastico finlandese. E’ solo uno sfizio del maestro Olivieri che, non avendo altre argomentazioni, ha dovuto spingersi fino in Finlandia per trovare qualcosa a cui tentare di aggrapparsi, senza accorgersi che andava volutamente, e con poca onestà intellettuale, completamente fuori tema (e per un maestro andare fuori tema è grave). Il confronto non era e non è con la Finlandia ma con tutti i Paesi Ocse, che sono 36.

Seconda. Scuola pubblica e scuola paritaria. La soluzione suggerita da Olivieri è molto semplice: “Aggiungiamo 4 alunni in ognuna delle classi attuali e il gioco è fatto. Possiamo anche chiudere tutte le scuole paritarie: ci togliamo un impiccio e risparmiamo anche“.

Forse, caro maestro Olivieri, non solo hai poca confidenza con i numeri ma stai avendo le travvegole. Pensi veramente che i lettori abbiano, come suol dirsi, l’anello al naso e non si rendano conto che riservare sul sistema pubblico il milione circa di alunni frequentanti le scuole paritarie significherebbe fare collassare e morire la scuola?

Tu lo sai benissimo, ma fai finta di non saperlo, in quanto a te della scuola non importa niente, ti interessa solo polemizzare, anche con poco buon gusto, su san gelmino e tremontino. Contento tu…! A me sembra un po’ poco.

Terza e ultima. Mission. Non ho mission particolari da compiere, so solo che il MIUR (Ministero della Istruzione, Università, Ricerca) è il Ministero che spende più di tutti gli altri. L’importo totale della spesa, che è quello che conta, è molto alto e oltre il 90% server per il personale.

Per quanto riguarda i bombardieri, neanche a me piacciono: so però anche che qualche migliaio di soldati italiani presta servizio all’estero in missioni di pace molto importanti. Se poi tu volessi aprire un dibattito sull’utilità o meno delle forze armate, allora bisogna farlo, non con slogan vecchi e stantii, ma in un modo molto più serio e completo.

di Gianfranco Vanzini

Lascia un commento

Archiviato in Pensieri e Parole